<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://news.rsspump.com/" title="">news</a></div>

Acireale-Scordia 0-0: un pareggio con poche emozioni

Di Davide Sirna
Oggi pomeriggio allo stadio “Tupparello” Acireale e Scordia hanno pareggiato per 0-0, dando vita ad una partita molto equilibrata da tutti i punti di vista. Il risultato maturato sul campo rappresenta quindi l’esatta rappresentazione di una contesa giocata in modo corretto da entrambe le squadre, le quali penalizzate da un terreno di gioco in pessime condizioni, hanno più badato a contenersi a vicenda. Nell’economia complessiva della partita il pareggio come detto rappresenta il risultato migliore possibile, anche se entrambe le squadre recriminano per due episodi dubbi: l’Acireale per un presunto calcio di rigore non concesso, mentre lo Scordia contesta a fine partita per una rete annullata ad Ousmane al 94′.
Classifica alla mano, il pareggio odierno è un’occasione persa per entrambe le formazioni: l’Acireale resta quinto in piena zona play off, ma perde l’opportunità di consolidare la propria posizione, mentre lo Scordia con il punto odierno si vede scappare la capolista Siracusa, adesso lontana ben quattro punti.
PRIMO TEMPO Le due squadre già dai primi minuti iniziano con il freno a mano tirato, dando vita ad una partita noiosa e dai ritmi lenti. All’atteggiamento di pressing dello Scordia, l’Acireale risponde con una condotta di gara molto accorta ed a tratti troppo rinunciataria; un po a causa di un terreno di gioco in pessime condizioni, ma anche per colpa di un’eccessiva frettolosità i granata locali si distinguono per avere sbagliato troppi passaggi, perdendo un’importate quantità di palloni a centrocampo. La gara scorre tranquilla fino all’22’, quando con una girata l’acese Frittitta impegna Fagone in una parata in due tempi. Al 26′ l’Acireale protesta per un presunto calcio di rigore non concesso; La Piana viene atterrato in area di rigore scordiense dal portiere ospite, ma l’arbitro lascia correre. Al 33′ lo Scordia si affaccia in avanti con Ousmane che non inquadra lo specchio della porta da ottima posizione. Su questa occasione da rete si chiude un primo tempo abbastanza noioso con le due squadre che vanno al riposo sullo 0-0.

SECONDO TEMPO La ripresa segue lo stesso copione del primo tempo; le due squadre sono corte e continuano a dare la priorità all’obiettivo minimo: il badare a prima al non prenderle. Ne esce fuori così una gara molto scialba e bloccata da entrambe le parti. Al 57′ lo Scordia si fa vedere in avanti con Cocimano che manda la sfera fuori, mentre un minuto dopo sempre gli ospiti costruiscono l’occasione più importante della propria partita: il centravanti Ousmane, lasciato troppo solo dalla difesa acese, dall’interno dell’area di rigore spedisce il pallone a lato. In questa fase di partita l’Acireale pensa più a contenere, mentre lo Scordia prova a sbloccare il risultato al 63′, quando Bertolo su punizione mette i brividi al giovane Romano. L’Acireale due minuti più tardi risponde, producendo l’opportunità da rete più grossa della propria partita; su un cross dalla sinistra del neo entrato Godino, Frittitta addomestica la sfera in piena area di rigore, si gira, ma non trova lo specchio della porta di poco. L’occasione sprecata da Frittitta rappresenta l’ultimo sussulto di una partita molto scialba; infatti, dal 65′ in avanti, entrambe le squadre si annullano a vicenda, il gioco ristagna a centrocampo ed entrambe le formazioni sembrano accontentarsi di un pareggio a reti inviolate e nemmeno le sostituzioni servono a cambiare l’andamento della gara. In pieno recupero, al 94′, c’è comunque spazio per una recriminazione da parte dello Scordia per una rete annullata per un presunto fallo di carica sul portiere; infatti, secondo il direttore di gara, Ousmane lanciato a rete deposita la sfera in porta per l’1-0, ma ruba palla in modo irregolare al giovane estremo difensore Romano. Si chiude così con le proteste degli scordiensi una partita con pochi sussulti, il cui risultato di parità rappresenta il punteggio complessivamente più esatto.
TABELLINO
ACIREALE-CITTA’ DI SCORDIA 0-0
ACIREALE (4-3-3): Romano, Sardo, Maimone, Truglio, Cocuzza, Ricca C., La Piana (78’Cantarella), Messina, Frittitta, Sinatra (61’Godino), Parachì. A disp: Arcoria, Amore, Bonnici, Barberi, Scirè. All. Zanghì (Ricca S. squalificato).
CITTA’ DI SCORDIA (4-3-3): Fagone, Crisafulli, Tarantino, Castiglia, Diop, Bertolo, Messina, Zumbo, Ousmane, Cocimano (64’Marziale), Rametta (73’Bellino). A disp: Cultrera, Serafino, Gallipoli, Cannatella, Russo. All. Serafino.
ARBITRO: Ferrieri di Livorno. Assistenti: Tiralongo e Breci, entrambi di Siracusa.
NOTE: ammoniti: La Piana (Aci). Messina (Sco). Calci d’angolo: 2-1 per l’Acireale. Spettatori: circa un migliaio, di cui una trentina provenienti da Scordia.


Commenta l'Articolo su Facebook

0 comments

Other articlesgo to homepage

Acireale – Tra suli e Mari #VIDEO

Acireale – Tra suli e Mari #VIDEO(0)

Video Acireale Tra Suli e Mari Gruppo Pop Rock Siciliano Antetna – Acireale (in Siciliano Jaci o Jaci-Riali) è un comune Siciliano di circa 53.000 Abitanti, conosciuto il tutto il mondo sopratutto per il Carnevale (Il più bello di Sicilia), per l’arte barocca, per le terme e per i suoi borghi marinari Capo Mulini, Santa Maria

#coriandolata2016 – Il 2 agosto la presentazione

#coriandolata2016 – Il 2 agosto la presentazione(0)

Martedì 2 agosto 2016, alle ore 10:30, presso la sala giunta del comune di Acireale (Palazzo del turismo), si terrà l’attesa conferenza stampa di presentazione della “Coriandolata”. Alla presentazione saranno presenti: il sindaco della città di Acireale, Ing. Roberto Barbagallo; il presidente della Fondazione Carnevale di Acireale, Antonio Coniglio; il direttore artistico della Fondazione Carnevale

Musica – Lorenzo Jovanotti – E non hai visto ancora niente

Musica – Lorenzo Jovanotti – E non hai visto ancora niente

Lorenzo Jovanotti continua a far ballare raccontando le diversità di opinioni che caratterizzano l’oggi. A volte è più semplice andare incontro a ciò che si conosce piuttosto che sperimentare novità, condivisione, apertura, viaggio interiore. Poi, quasi inaspettatamente, possono sopraggiungere “Colpi di fulmine che fanno impazzire le persone” quando, in una vita abitudinaria arriva qualcosa che

Il lavoro rende liberi

Il lavoro rende liberi

Nessuno ne faccia una dramma. Quello che è accaduto ad Acireale non rappresenta una novità per la quale stupirsi e non ha il sapore dell’ultima disfatta morale prima di un’epocale rivoluzione culturale. Presumibilmente, come per la spassosa storia dei consiglieri comunali pagati per aver ammirato l’accoppiamento del pavone, tutto finirà nel dimenticatoio di una cittadina

Acireale | Smascherati i “furbeti del cartellino” – Ecco i nomi

Acireale | Smascherati i “furbeti del cartellino” – Ecco i nomi

Terremoto giudiziario ad Acireale, il blitz della Polizia evidenzia un trend nazionale che non ha risparmiato neanche la città barocca dei cento campanili; l’assenteismo. Tutto è partito dalle svariate segnalazione di molti cittadini, lamentando l’assenza dei dipendenti pubblici dai loro posti di lavoro, creando di fatto un disservizio all’utenza non indifferente. Così parte l’indagine del

read more

Contacts and information

Contattaci per segnalare una notizia

Social networks

Most popular categories

© 2011 Magazine Online Reg.